lunedì 15 agosto 2011

Sangria di Ferragosto!!

Per festeggiare degnamente questa giornata,
probabilmente calda in ogni dove,
niente di meglio che un bel bicchiere di rinfrescante Sangria.


Prima di tutto dovete preparare la "mistura aromatica" di base
che potrete conservare ed usare per ogni tipo di sangria
( sì, perché ce ne sono di rosse e di bianche).
In una casseruola capiente mettete a scaldare dolcemente
un litro di vino bianco giovane con 100 grammi di zucchero,
50 bacche di ginepro, 30 chiodi di garofano
e 2-3 stecche di cannella ( 2 bastano se sono grandi).
Appena il vino inizia a bollire, aggiungete la buccia di una mela e di un'arancia ben lavate
e la polpa di una banana a fettine, spegnete il fuoco, coprite e lasciate tutto in infusione.
Quando il vino si sarà raffreddato completamente, rimuovete tutta la frutta e le spezie,
filtrate bene e versate in una bottiglia di vetro a chiusura ermetica.
Potrete conservare questa mistura di base in frigorifero...
... anche per un paio di anni. Vi garantisco che non "prenderà d'aceto"!!

Ed ora la mia ricetta personale!

Sangria Rossa
In una caraffa di vetro (potete usare anche una ciotola)
che possa contenere 2 litri abbondanti di bevanda,
versare 8 cucchiai di mistura aromatica,
e poi 1 litro e mezzo di vino rosso corposo
(potete adoperare un Rosso Piceno Superiore, tipico della mia zona,
o un Corvo Rosso Duca di Salaparuta... o il rosso che preferite!),
6 cucchiai di buon brandy (io uso il Fundador... olè!)
e 6 cucchiai di liquore al mandarino
(io uso il Solado, difficile da reperire,
ma va bene anche un liquore all'arancia come il Cointreau).
Mescolare delicatamente ed aggiungere
poco meno di mezzo litro di acqua tonica o di pompelmo.
Importanti le bollicine di quest'ultimo ingrediente liquido
per conferire al vino quell'aroma "friccicarello"!!
Completate con frutta di stagione ben soda e ben lavata
(pesche noci, prugne, melone, ecc.) ma non devono mancare mele, arance e fragole
(evitate pere e cocomero, troppo acquosi, e le albicocche, un po' acidule).
Lasciate macerare in frigo per almeno 12 ore, ancora meglio per 24 ore,
in modo che la frutta infonda i suoi sapori ed i suoi profumi.
Potete presentare in maniera scenografica la vostra sangria
versandola in un mezzo cocomero ghiacciato e svuotato della sua polpa.
Servire in grossi bicchieri insieme alla frutta imbevuta di vino! 
Alla vostra... alla nostra salute!!
Buon Ferragosto 2011

A presto, anzi prestissimo, la vostra Eu.


1 commento:

  1. Ahahhaha!!!! mi sono dissetata...grazie!! Buon Ferragosto!!

    RispondiElimina